Montepulciano tour

Il tour inizia da Porta a Prato che insieme alla terza cerchia muraria racchiude la Contrada di Gracciano a procede lungo la via principale verso Piazza Grande; nel percorso incontriamo i tesori del Rinascimento, che hanno fatto definire Montepulciano Perla del ‘500 e ci fermiamo ad ammirarli: Piazza del Marzocco: qui il leone fiorentino, con la zampa sullo uno scudo araldico mediceo, troneggia su una colonna in travertino bianchissimo, copia 800esca di quella originaria, a ricordarci la rinnovata alleanza della città con Firenze nel 1511, ai lati l’omonimo hotel, esempio di ben conservato liberty locale e l’elegante facciata del 500esco palazzo Avignonesi attribuito all’architetto romano Jacopo Barozzi detto il Vignola. Salendo non possiamo non soffermarci davanti alle pietre tombali etrusche che l’archeologo Pietro Bucelli volle murare sulla parete del suo palazzo per offrire ai visitatori un museo esterno dei suoi tesori, in realtà così numerosi da rendere necessaria questa collocazione. Siamo giunti ora in Piazza Michelozzo dal nome dell’artista autore della facciata di S.Agostino, chiesa 300esca qui situata e fiancheggiata da una Torre dell’Orologio con la statua di Pulcinella che batte le ore. Piazza dell’Erbe e le eleganti Logge del Grano oltre l’antica Porta della Cavina ricordano il primo ospedale entro le mura e il mercato settimanale sotto le arcate un tempo anche magazzino e riserva medicea dei prodotti cerealicoli della Val di Chiana. Siamo nella contrada di Voltaia e ci avviamo verso l’area urbanistica della Compagnia di Gesù, qui i padri omonimi si stabilirono agli inizi del 1600 e fondarono prima il collegio poi la chiesa tutt’ora visitabile, la struttura circolare con la grande cupola e l’interno barocco decorato in stucchi e fregi ricordano l’artista Andrea Pozzo autore principale del complesso. Entriamo in via dell’Opio e la percorriamo lentamente con un occhio rivolto ai suggestivi vicoli e i negozi di pelletteria e rame, ci troviamo vicino a Porta delle Farine, dove si pagava la gabella sul macinato, diamo un rapido sguardo alla casa natale del poeta umanista Poliziano e ci avviamo verso Piazza Grande. I resti della prima cerchia muraria circondano l’antica Fortezza senese e ci immettono nella Contrada di S.Donato dove si trovava una chiesa dedicata al vescovo aretino evangelizzatore della città. e ora arriviamo in Piazza Grande La piazza spaziosa e elegante ci accoglie con le sue imponenti architetture: il municipio, la cattedrale il pozzo dei

Grifi e dei Leoni, i palazzi Contucci e Tarugi di artisti fiorentini del ‘400 e ‘500. Ripercorriamo insieme la storia di Montepulciano dalle origini etrusco-medievali alla trasformazione rinascimentale tra dimore sontuose, mura, archi chiese e negozi di prodotti tipici e artigianali. Alla fine del nostro percorso storico e artistico ci attendono altre delizie, non perdiamoci una degustazione di Vino Nobile in una cantina storica!

Durata: 2-3 ore